Non scivolare sulla buccia di banana – evita i 9 ERRORI MORTALI di un fotografo di matrimoni che ha rischiato di “chiudere bottega”

By | 8 Maggio 2016

Sei un fotografo di matrimoni stufo di perdere tempo, soldi ed energia in marketing e pubblicità?

Quel tipo di pubblicità che quando ti va bene ti porta sposi che ti chiedono un preventivo, guardano il tuo prezzo e vanno a confermare il servizio fotografico al tuo concorrente che gli ha fatto 50 euro in meno?

Ne hai le palle piene (le palle degli occhi, ovviamente!!), caro fotografo di matrimoni. Dico bene?

fotografo di matrimoniBene, allora se sei stufo di questa situazione, simile al famoso scivolone sulla buccia di banana, stai all’occhio perché oggi tiro fuori ancora qualche vacca sacra e la mando al macello.

E lo faccio perché ancora una volta mi sono trovata faccia a faccia con un fotografo di matrimonio che è stato ROVINATO da pubblicità fatta col fondoschiena, “professionisti” senza scrupoli e fuffari che la sanno raccontare alla grande ma che non porta a nulla se non a farti perdere soldi e tempo!

Francamente sono stufa di questa situazione. Sono stufa perché, cacchio, non è che i soldi li trovi sotto ai sassi. Li guadagni col sudore della fronte, spesso lavorando in momenti in cui preferiresti stare con la famiglia o in panciolle sul terrazzo di casa o al mare.

Stai ore rintanato in studio a scegliere le foto più belle, a postprodurle, magari pure a impaginare un album in modo da rendere unica l’esperienza che avranno i tuoi sposi ogni volta che lo apriranno.

Fai rinunce, ti dai da fare e crei piccole meraviglie che quando gli sposi a cui hai fatto il tuo servizio le vedono gli vengono le lacrime agli occhi. Eppure quando attrai sposi nuovi questi ti snobbano e ti chiedono subito quanto sconto gli puoi fare.

Lo so benissimo che per un fotografo di matrimoni in gamba come te questa situazione è veramente insostenibile.

Soprattutto perché sentire la stessa solfa OGNI SANTA VOLTA che ti capita una coppia di sposi sotto mano è deleterio e potrebbe minare l’autostima di chiunque.

Ecco perché ho deciso di cominciare a macellare le vacche sacre. Oggi tocca alla famosa “PUBBLICITA'”.

Prima di proseguire andiamo a vedere cosa significa “pubblicità”? Così almeno siamo sicuri di parlare la stessa lingua:

“Con il termine pubblicità si intende quella forma di comunicazione di massa usata dalle imprese per creare consenso intorno alla propria immagine, con l’obiettivo di conseguire i propri obiettivi di marketing.

La caratteristica principale della comunicazione pubblicitaria è di diffondere messaggi preconfezionati a pagamento attraverso i mass-media.

L’obiettivo è che il consenso si trasformi in atteggiamenti o comportamenti positivi da parte del pubblico o consumatore che non consistono solo o semplicemente nell’acquisto del prodotto o servizio.

La pubblicità informa, persuade, seduce il pubblico ed è ritenuta corretta se fidelizza l’utente finale in base a principi civili e umanizzanti.”

(Wikipedia)

…….

Maremmaimpestata…

– sono solo io o anche tu hai la sensazione di aver appena letto un’immensa supercazzola con scappellamento a destra??? “…fidelizza l’utente finale in base a principi civili e umanizzanti” – che cosa vuol dire?

Sono esterrefatta.

Capisci bene che se ti metti a “diffondere messaggi preconfezionati” può darsi che vadano a buon fine – ma può BENISSIMO darsi che questi messaggi non giungeranno MAI a nessuno che potrebbe avere interesse in te come fotografo di matrimoni.

Tra l’altro da nessuna parte si parla di FARE SOLDI.

Pensa un po’ – la pubblicità che ami tanto fare NON TI FA FARE SOLDI.

Ti rende appetibile al tuo pubblico.

Ma non vendi.

Niente.

– da quel lato almeno il marketing, sempre secondo Wikipedia, è finalizzato “al piazzamento di prodotti o servizi, considerando come finalità il maggiore profitto e come causalità la possibilità di avere prodotti capaci di realizzare tale operazione finanziaria.”

Ora capisci perché ce l’ho tanto con la pubblicità e i fuffari che ti vogliono vendere ‘sta roba, caro fotografo di matrimoni?

Allora, dicevamo…quindi oggi mandiamo al macello questi 9 errori mortali che rischiano di farti chiudere bottega. Sei d’accordo con me, vero?

(intanto ti dico subito che IO li ho fatti tutti, quindi non sentirti in colpa se anche tu ne hai fatto qualcuno, okay?)

I 9 errori da EVITARE COME LA PESTE quando vuoi vendere qualcosa a qualcuno sono:

=> 1. Partecipare a fiere sposi alla modica cifra di 1000 euro per uno stand 4×2

=> 2. Fare pubblicità su guide per sposi, giornali e riviste varie

=> 3. Iscriverti ai portali web per matrimoni in maniera indiscriminata (anche se in formula gratuita – ricordati: NIENTE nel mondo è gratuito – c’è sempre un prezzo da pagare!)

=> 4. Fare un sito vetrina per essere presente sul web

=> 5. Chiedere aiuto alle varie tipologie di pagine “arancioni”

=> 6. Affidarti a un’agenzia pubblicitaria (o web agency) che non avesse esperienza nel settore matrimoni perché creassero la tua immagine coordinata

=> 7. Stampare volantini fatti dal tuo grafico

=> 8. Fare cartelloni pubblicitari

=> 9. Creare spot radio o tv

Perché queste forme di pubblicità sono DELETERIE per te e perché rischiano di affondarti completamente?

In parte l’abbiamo già visto – ma c’è ancora qualcosa:

Perché i pochi contatti che – per coincidenza o un colpo di fortuna cercando un fotografo di matrimoni – possono arrivare da queste forme di pubblicità che andavano bene negli anni ’80 sono solo fuochi di paglia che non portano a niente.

Mi spiego:

I contatti che ti arriverebbero sarebbero contatti non in target, non educati al bello, con budget ridicoli, che sanno a malapena distinguere una foto a colori da una in bianco e nero, che chiedono preventivi a cani e porci per poi scegliere quello più basso.

Sono sposi del genere con cui vorresti lavorare? Oppure questi sposi ti fanno solo perdere tempo?

Credo che tu abbia capito il perché la “pubblicità” è ASSOLUTAMENTE da evitare. Ma se devo continuare a raccontarti perché non è il caso di fare questi tipi di pubblicità dimmelo – o ti basta aver capito che NON TI PORTANO SOLDI e che ti fanno perdere solo tempo?

===> Se non vuoi buttare migliaia di euro in progetti senza senso e quindi rischiare di far fallire la tua attività non dedicare né un minuto del tuo tempo, né un centesimo a chiunque voglia proporti uno tra i servizi che ti ho appena elencato.

“Ma Annette, mi dici allora che cosa devo fare dato che tutte queste cose sono vietate???”

Lo so, sembra assurdo buttare via tutte queste possibilità. Perché a questo punto…che cosa ti rimane?

– in realtà la soluzione per avere solo sposi in target c’è.

Smetti per un attimo di pensare all’effetto e lavora bene per risolvere la causa.

===> Se vuoi iniziare a chiudere più contratti con gli sposi bisogna che tu vada a lavorare per benino su tutto ciò che accadrà “prima” del loro arrivo nel tuo studio.

Cominciare a farti percepire come L’UNICO FOTOGRAFO DI MATRIMONI che può fare il loro matrimonio.

Fare in modo che loro comincino a preferire te rispetto a chiunque altro. E comunicarlo agli sposi in maniera costante.

In questo modo gli sposi arriveranno al vostro appuntamento con ben chiara quella che è la TUA visione del lavoro che farai con loro. E il lavoro che dovrai fare sul “prima” lo troverai qui, sul blog e sulla pagina Facebook!

Perché anche se magari non te ne sei accorto in realtà ti sto già insegnando come fare.

E questo non perché io sia un genio o perché abbia scoperto l’acqua calda o la ruota ma semplicemente perché ci sono passata prima io e posso aiutarti a non commettere gli errori che già ho commesso io.

Se infatti continui a leggere le mie mail, i miei post su Facebook e i miei articoli qui sul blog troverai un sacco di consigli pratici GRATUITI, applicabili fin da subito.

Sappi però che non ci sono scorciatoie.

E’ brutale dirlo ma è vero.

Devi volere questo cambiamento in maniera viscerale perché nessuno potrà motivarti a continuare il tuo cammino se non te stesso. (a motivarti ulteriorimente ci saranno poi anche i risultati che otterrai man mano che andrai avanti.)

Mentre invece cosa succederà se NON farai quello che ti ho prospettato in questo post? (magari te lo stai chiedendo, caro fotografo di matrimoni…)

Se NON FARAI il lavoro sul “prima” rischierai sempre di beccarti tutta una serie di rogne, di preventivi che non vanno a buon fine, di sposi che non ti scelgono perché non capiscono perché devono preferire proprio te e di prezzi che scenderanno sempre di più fino a quando non dovrai tirare giù la saracinesca per l’ultima volta.

Ecco. A me questa soluzione non piace mica tanto…

Quindi, non scivolare sulla buccia di banana. Comincia da oggi a cambiare la tua visione.

Il marketing – e il tuo successo – non è un evento, è un processo.

E tu, cosa aspetti a volerlo, ‘sto successo?

 

Annette

PS. Ti sei già connesso con me su Facebook, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − sette =