Chi sono

Marketing per i fotografi di matrimonioMa…il marketing per i fotografi di matrimonio…serve davvero?

Sei abituato a pensare che le tue foto bastino per fare in modo che gli sposi scelgano di farsi ritrarre da te, non è così?

Che il marketing era qualcosa per grosse aziende americane e sicuramente non uno strumento che potesse esserti utile, giusto?

Ma forse negli ultimi anni ti sei reso conto che “qualcosa” è cambiato nel modo in cui gli sposi ti si avvicinano e che – forse – bisogna intervenire in qualche modo prima che sia “troppo tardi”.

Magari hai notato che gli sposi ti chiedono un preventivo, spesso senza dirti nemmeno “buongiorno” e senza raccontare che “siamo Filomena e Filippo e ci sposeremo il ventordici otvembre nella chiesa di Vattelapesca”. E che poi, quando poi gli rispondi con garbo e gentilezza mandando il preventivo richiesto, spariscono come le lasagne la domenica a pranzo.

Ti sembra di averla già vissuta questa scena, dico bene?

C’è anche la coppia che arriva all’appuntamento, si commuovono davanti alle tue foto, sono felici e contenti – e prima che tu possa tirare fuori il tuo contratto dicono che “ci dobbiamo pensare. E’ una grossa spesa ma siamo convinti perché sei bravissimo, vogliamo solo parlarne un po’. Ti chiamiamo di sicuro la prossima settimana, okay?” e se ne sgusciano fuori dal tuo studio più veloci delle lucertole all’arrivo dell’ombra.

Oppure potresti sperimentare lo scenario in cui gli sposi che hanno già firmato continuano a non essere soddisfatti e quindi vogliono più sconti, più servizi, più-più-più – e poi non li vogliono pagare.

Sconsolazione. E per peggiorare ulteriormente le cose ti guardi intorno e vedi fotografi di matrimonio spuntare come funghi dopo la pioggia. E ti chiedi come faranno gli sposi a capire come un fotografo si differenzi dall’altro dato che sembrano tutti fatti con lo stampino (gli altri, ovviamente, non tu!).

Ti sei mai chiesto perché certe coppie ti trattano come se fossi una pezza da piedi?

E ti sei mai chiesto come farai a continuare a combattere la tua guerra quando intorno a una sola coppia ci sono millemila fotografi che combattono ferocemente anche loro per avere lo stesso matrimonio?

Se te lo sei chiesto – e se hai cercato di darti una risposta – sei avanti e mi congratulo con te. Ma sarà il caso che continuerai a cercare quella risposta perché altrimenti a ridere saranno i tuoi concorrenti e non tu. E io voglio che sia tu a vincere questa battaglia.

In verità la risposta è semplice. Per dirtelo in pochissime parole è colpa di una comunicazione sbagliata se le coppie non vedano il valore nello scegliere proprio tu e NON i tuoi concorrenti.

E’ colpa di una comunicazione sbagliata e inefficace se alla fine sarai paragonato a tutti gli altri fotografi senza che nessuno veda quanto in realtà sei diverso.

Ed è colpa di una comunicazione sbagliata, inefficace e non continuativa se le coppie quando arriveranno da te poi vorranno “pensarci” per poi sparire.

In parole povere: praticamente ogni problema di marketing per i fotografi di matrimonio è al 95% colpa di una comunicazione sbagliata, inefficace e non continuativa.

Purtroppo ne so qualcosa. Perché ne vedo ogni giorno di esempi di fotografi come te, bravi a fotografare ma incapaci di comunicare.

…bada bene che non ti sto dicendo che è colpa tua se la situazione è questa e non ti sto nemmeno dicendo che sei un imbecille perché non sai comunicare. Non mi permetterei MAI. No, al contrario so benissimo che NON E’ COLPA TUA e non lo è perché nessuno ti ha insegnato come comunicare!

Sì certo, ti hanno insegnato a leggere e scrivere in italiano. Ma hai mai sentito nessun professore alla scuola dell’obbligo parlare di comunicazione e di come farti capire dagli altri?

No, vero?

I professori della scuola dell’obbligo non ti insegnano a comunicare e sai perché? Per due ragioni principalmente:

1. In genere si pensa sia facile comunicare e quindi diamo per scontato che non ci sia bisogno di imparare come si fa.

Ma sai meglio di me quanto può essere difficile farsi capire persino dalla propria dolce metà – che comunque è una persona con cui hai a che fare praticamente ogni giorno. Prova a pensare a quanto può essere complicato comunicare con due estranei – a cui, in più, dovrai cercare di FAR SPENDERE DEI SOLDI! Ahia, brutta situazione!

2. I professori non insegnano a comunicare perché non sanno comunicare manco loro.

O meglio, magari lo sanno fare ma non lo sanno insegnare! Intanto, nella scuola dell’obbligo mica è obbligatorio farsi capire, giusto?

Magari pensi pure tu che sono gli sposi a doverti capire, non tu a spiegarti, e che ‘sta cosa della comunicazione è davvero sopravvalutata. Ma ti posso assicurare che una volta che imparerai come comunicare con i tuoi sposi nella maniera giusta, poi non vorrai mai più smettere.

Perché cominceranno ad avere rispetto per te, a sceglierti prima di vederti dal vivo e a volerti pagare quello che tu desideri nel profondo del tuo cuore ma che non hai mai osato chiedere perché ti sembra quasi troppo.

Il cambiamento che potresti avere anche tu nella tua vita professionale lo vedo arrivare alle persone che seguo nei loro percorsi, quelli di marketing per i fotografi di matrimonio. Stanno riconquistando la loro serenità lavorativa, stanno ricevendo richieste gentili ed educati da parte di sposi altrettanto gentili ed educati – e alcuni stanno persino rimettendo ordini nei conti economici dopo pochi mesi dal loro primo approccio al marketing.

Marketing Matrimonio Annette TuxenOra…ti starai probabilmente chiedendo chi sono io e perché mai dovresti imparare il marketing per i fotografi di matrimonio da me e non scegliere un fotografo professionista come insegnante?

Perché, lo ammetto, non sono una fotografa – sono nata wedding planner, ovvero organizzatrice di matrimoni. Nel 2008. Te lo dico subito così non hai quel dubbio a cui pensare. Ho cominciato però a insegnare marketing ai fotografi di matrimonio già nel nel 2014, prima che nel 2017 il marketing fatto un po’ da chiunque investì sul serio il settore delle nozze.

Io sono Annette, danese di nascita ma italiana dal 1997, e studio e lavoro nel marketing in modo più o meno continuativo dal 1993.

In verità fu un po’ “per caso” che decisi di unire il marketing al matrimonio e creare il primo servizio di marketing per i fotografi di matrimonio. Lo metto tra virgolette perché non credo nel caso. Credo invece molto nel “sento che c’è un bisogno per questa cosa” e di darmi da fare per aiutare le persone a raggiungere il proprio scopo SE ovviamente sono in grado di farlo.

Sapevo che nel settore delle nozze c’era un bisogno FEROCE di capire come fare ad acquisire nuovi clienti. Lo sapevo perché le persone si rivolgevano a me per avere la possibilità di lavorare di più. Inoltre sapevo che NON avrei potuto scegliere le wedding planner come destinatarie per il mio insegnamento.

Questo per un fatto molto semplice – che ti invito a seguire perché vale anche per te se stai pensando che “forse sarebbe meglio scegliere un fotografo come insegnante”:

Quando cominciai a insegnare il marketing nel settore nuziale ero ancora una wedding planner, con un’azienda funzionante e operativa alle spalle. E sapevo che una delle domande che SICURAMENTE ci sarebbe stata da parte della mia potenziale clientela sarebbe stata “Ma come posso essere sicura che tu mi insegnerai tutto quello che sai e che non mi manderai giù nel burrone pur di disfarti di una concorrente?”

Vedi? Ero ancora in attività uguale ero una concorrente. E questo avrebbe danneggiato la mia possibilità di aiutare i professionisti che si sarebbero rivolti a me. Quindi alla fine scelsi di dedicarmi anima e cuore a migliorare la vita dei fotografi, la mia seconda passione.

Sapevo di non avere più problemi a livello di “mi insegnerai tutto quello che sai?” perché non essendo fotografa non ci sono conflitti di interesse.

(non ci sono nemmeno più per le wedding planner dato che tutti i miei matrimoni sono delegati a colleghe che si prendono cura di tutto dalla A alla Z – ma questa è un’altra storia!)

Io non ho paura di condividere tutto con te. E anche se con me non potrai parlare di tecniche di fotografie sono certa che avremo molto da discutere solo aprendo un piccolo capitolo nel “Grande Libro del Marketing per i Fotografi di Matrimonio”.

Quindi sapendo ciò che sai ora, perché pensi che un tuo collega, che lavora ancora come fotografo, dovrebbe insegnarti tutto quello che sa sull’acchiappare i clienti – ammesso che realmente lui sappia come fare?

Non pensi che potrebbe trattenere qualcosa?
Tipo “no dai, se glielo insegno poi lo faranno tutti e il mio vantaggio competitivo svanirà…”
Ricordati, sia lui che tu siete nel mercato per guadagnare soldi, non per fare beneficenza.

“Okay, Annette, ho capito. Ma perché non posso fare da solo? Quanto può essere difficile farsi un po’ di marketing?”

Beh, effettivamente potresti anche. Solo che se sarà ben più semplice se a fianco hai chi sa dove vorrai andare e come potrai arrivarci.

Esattamente come quando hai imparato a fotografare. Sicuramente avrai fatto una fatica bestia – finché non è arrivato qualcuno che ti ha spiegato come si fa e quindi ti ha aiutato a metterti sulla retta via. Perché non credo che tu sia arrivato dove sei oggi soltanto tramite esperienza personale, giusto?

Per capire meglio quali sono le possibilità che hai quando si parla di marketing ti ho creato una serie di riflessioni. Questi li potrai fare per capire se effettivamente il “marketing fai-da-te” farà per te o meno:

===> “Posso trovare i miei clienti attraverso i portali?” <===

Ormai ci sono decine di portali rivolti agli specialisti del matrimonio in cui potrai iscrivere la tua azienda (gratis o a pagamento) e che ti danno visibilità verso gli sposi alla ricerca di ciò che offri.

I portali sono fatti più o meno in maniera uguale: pagherai una cifra all’anno e verrà creata una vetrina standard in cui puoi inserire i tuoi testi, le tue foto e le tue offerte. Poi non potrai fare altro che aspettare che qualche coppia di sposi ti contatti tramite il portale.

Il bello dei portali è che sono delle specie di motori di ricerca specializzati. Quindi la coppia di sposi potranno cercare un fotografo attraverso questi strumenti e trovarne una serie che corrispondano ai loro requisiti. Quindi se magari non sei facile da trovare in altro modo potresti esserlo attraverso il portale. (“potresti”, eh…)

Se per gli sposi può convenire affidarsi al portale, almeno per fare una prima scrematura, spesso però dal TUO punto di vista questi portali non sono per nulla efficaci. Magari ti procureranno delle richieste ma dato che non sarai da solo sul portale gli sposi troveranno facilmente i tuoi concorrenti. Quindi le richieste di preventivo che ti verranno inviate le riceveranno anche i tuoi concorrenti. E naturalmente gli sposi useranno i preventivi per comprare o da chi gli piace di più, o da chi gli fa il prezzo più basso.

Quindi alla fine della favola probabilmente spenderai tempo per rispondere alle richieste, ad attendere una risposta che raramente arriverà e a richiamare gli sposi per capire se ti vogliono o meno. E se sarai sfortunato, avrai speso pure soldi per essere sul portale.

Come canale di marketing per i fotografi di matrimonio la situazione potrebbe essere parecchio migliorata, non trovi?

(la situazione è simile per i grandi blog, strumento che dovrai scegliere con molta cura per riuscire ad avere un ritorno sensato sul tuo investimento…!)

===> “Posso però lavorare attraverso il mio sito, no?” <===

So benissimo che il tuo sito è il tuo orgoglio. Dall’altro canto ci hai lavorato per ore e ore e ore per renderlo com’è adesso, per far funzionare le slideshow e le gallerie, per aggiornare tutto e mandare in onda il tuo lato migliore in assoluto.

O se non lo hai fatto tu magari ti sei rivolto a un team di tecnici per farti creare questa meraviglia di sito. E ora che è fatto e finito dovrebbe attirare l’attenzione degli sposi.

Qui sorge un altro problema che quasi nessuno affronta ma che è fondamentale per te che lavori per dare da mangiare a te stesso e alla tua famiglia:

Chi fa siti web per mestiere solitamente è un programmatore che conosce il lato tecnico e quindi sa come far funzionare quelle stringhe di codice che comporranno il tuo sito.

Oppure potrebbe essere  un grafico che dà più valore al lato estetico e quindi non ha la minima idea di come dovrebbe funzionare un sito web.

Oppure potrebbe essere un creativo che riempie il tuo sito di slogan fashion e di frasi wow! volti a stupire chi ti leggerà.

Per carità, ognuno di loro è bravissimo nel proprio campo e un sito fatto come si deve dovrebbe avere almeno i primi due aspetti a posto. Il problema serio è però che queste competenze servono davvero a poco se non supportate dalla conoscenza del marketing. E raramente queste persone, per brave che siano nel loro campo, possiedono doni di questo tipo mentre quelli specializzati nel marketing per i fotografi di matrimonio sono vere mosche bianche!

Se il tuo sito non verrà progettato con i concetti di marketing ben inseriti già dall’inizio del processo NON TI SERVIRA’ nel modo in cui tu lo vorresti e non ti porterà i risultati che tanto desideri.

C’è un altro aspetto da considerare: il fatto che il numero dei siti web registrati continua crescere, giorno dopo giorno. Ogni giorno si sveglierà una persona che deciderà di comprare un dominio e diventare un fotografo di matrimonio. Questo significa che la battaglia per le posizioni interessanti nella prima pagina di Google saranno sempre più aspre e che sarà sempre più difficile farsi strada solo attraverso il sito.

– e soprattutto sarà sempre più oneroso fare ricorso alla SEO, ovvero l’ottimizzazione per i motori di ricerca, specialmente se il tuo sito è nuovo.

Pensi ancora che il tuo sito da solo ti salverà dai problemi?

===> “E se pago uno dei social media…come si chiamano…per curare la mia immagine su Facebook, Instagram ecc?” <===

Infine con il boom di Facebook, Instagram, Twitter e Pinterest è nata una nuova professione: lo specialista di social media. Spesso si tratta di persone che offrono libri, corsi o consulenze che ti danno spiegazioni di come e del perché dovrai imparare a gestire la tua presenza sui social media.

I social media, lo sai meglio di me, sono diventati una parte integrante della nostra giornata nel giro di pochissimi anni (praticamente è dal 2008 che Facebook ha fatto il boom di utenze in Italia) e tutti li usiamo.

Per un’azienda come la tua che si occupa di dare un servizio nell’ambito del matrimonio è di fondamentale importanza avere una presenza sui social media che sia gestita nella maniera più idonea.

In qualche modo gli esperti di social media ti possono insegnare come fare le cose nel modo, nel momento e con le parole giusti e spesso sono anche persone brave a fare il loro lavoro. Oppure le possono fare per te e spesso va anche benino.

Il problema diventa che spesso prendi i loro insegnamenti come le uniche riflessioni che valgono. Ma la verità è che da sole per la stragrande maggioranza non bastano a creare abbastanza movimento nella tua azienda.

Anzi, spesso ti sembra di fare bene eppure i risultati in termini di moneta sonante non arrivano. E ti trovi a chiederti come mai non riesci a ottenere quei risultati che sembrano alla tua portata.

Magari ti rendi pure conto che tutti quei consigli che ti stanno dando per i social media forse andrebbero bene se solo il tuo interlocutore conoscesse il tuo settore di appartenenza.

– peccato davvero che molto spesso questi professionisti non ti sanno dire come far funzionare il marketing per i fotografi di matrimonio.

E non lo sanno non perché sono cattivi o perché non hanno studiato, ma perché molto spesso sono focalizzati sullo strumento e i numeri sbagliati e non su “come facciamo a procurarti nuovi clienti?”.

Essere sui social media serve – ma da solo non basta. Dovresti seriamente cominciare a “fare anche altro” perché altrimenti sarà davvero dura ricevere abbastanza richieste e portare a casa i tuoi ventordici matrimoni all’anno.

…so che è tosto per te renderti conto che c’è qualcosa che non va nel tuo modo di fare e che forse per adesso hai buttato soldi dalla finestra.

Ma è pur sempre meglio capirlo oggi che puoi farci qualcosa che non domani, fra una settimana, un mese, un anno quando avrai perso altri soldi e altro tempo a fare cose che non funzioneranno mai perché sono progettati nella maniera sbagliata.

O no?

Voglio dirti una cosa: sappi che non è colpa tua se ti hanno venduto una presenza su un portale che non ti ha portato nulla se non rotture di scatole, millemila preventivi e nessun matrimonio prenotato.

Non è nemmeno colpa tua se il tuo sito non vale quanto lo hai pagato perché è stato creato con i presupposti sbagliati così come non è colpa tua se hai creduto alle parole del primo social media guru che hai trovato online.

Sai perché non è colpa tua?

Perché non c’è mai stato nessuno che ti ha spiegato come si fa a fare le cose per bene, nella maniera giusta e con i giusti accorgimenti per te.

E lo so perché all’inizio del 2015, quando ho cominciato a cercare un servizio che rendesse concretamente utilizzabili i concetti di marketing per i fotografi di matrimonio, non ne ho trovati.

******************

===> Te lo ripeto perché non ci credevo nemmeno io: all’inizio del 2015, tra le soluzioni che avevo trovato (pochissime), non c’era nessuno che parlava nello specifico di come si fa marketing per i fotografi di matrimonio. <===

******************

Mi ha fatto pensare molto. Io che lavoravo nel settore avevo sentito il bisogno di andare a cercare conoscenze specifiche per riuscire a portare la mia azienda in una nuova dimensione. E sapevo che molti altri professionisti, tra cui anche tu che mi stai leggendo, aveva lo stesso bisogno.

Ci ho rimuginato sopra a lungo. E alla fine ho preso la mia decisione:

Marketing Matrimonio Annette TuxenIo sarei stata quella persona che avrebbe reso il marketing per i fotografi di matrimonio facile da capire. E’ per questo che è nato questo blog.

Un blog in cui parlerò dei problemi che incontrerai mentre ti affannerai a trovare le coppie. Uno spazio che darà voce alle tue frustrazioni e che ti darà strategie, idee e trucchi che ti potranno aiutare a migliorare la tua vita. Per poi, alla fine, arrivare togliere i dubbi dalle teste degli sposi – e portare a casa i contratti che vorrai.

Troverai anche una guida che ti aiuterà a compiere i primi passi fondamentali per trovare sposi realmente interessati ad averti al loro fianco il giorno del matrimonio. E ho messo tutto online, AGGRATISSE, perché tu potessi utilizzarlo.

Ora tocca a te darci dentro, è tutto tuo.

Perché il marketing (e il tuo successo) non è un evento, è un processo.

 

Annette

 

PS. Vuoi sapere cosa pensano di me i miei clienti? Clicca qui!